L’università sempre meno pubblica: assemblee e banchetti solo a pagamento

Succede a Catania, come racconta Riniolo su Il Corsaro: per “tutelare l’integrità del patrimonio immobiliare dell’ateneo” chi volesse utilizzarne gli spazi deve pagare e chiedere il permesso almeno due mesi prima. Il tariffario pare vada dai 250 euro per un’aula piccolina utilizzata per mezza giornata a 2000 euro per una serata nel chiostro. Il tariffario non si applica se a chiedere gli spazi è “personale dell’ateneo per iniziative direttamente rientranti tra le attività istituzionali dell’Ateneo, e non comportanti alcun costo aggiuntivo per l’amministrazione”.

This entry was posted in rassegna stampa. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <pre lang="" line="" escaped="" highlight="">